Archivi tag: rv7571

Carbone in dono ai pendolari della Tuscia e della bassa Umbria

Questo il testo di una mail indirizzata ad amministratori locali, regionali, trenitalia, rfi e stampa in merito al caos ed i disagi createsi in seguito all’anticipo del treno RV7571 Viterbo-Roma

 

Cari pendolari, cari amministratori
Quest’anno i pendolari della Tuscia e della bassa Umbria avranno tanto CARBONE in regalo dai propri amministratori.
I Pendolari sono stati cattivi, hanno sempre pagato il proprio abbonamento ma non è bastato: AVRANNO CARBONE!
Ci riferiamo alla tragica scelta della Regione Lazio e dell’assessorato alla mobilità di anticipare di 24 minuti l’orario del treno RV 7571
Come volevasi dimostrare, stamani l’anticipo dell’orario di questo treno ha comportato notevoli disagi per i pendolari dell’alto Lazio e bassa Umbria.
Il treno R21711 da Rieti delle 7,17, come al solito, è partito in ritardo (7,27). Il 7571 è stato fatto attendere nella stazione di Orte che il precedente raggiungesse una distanza/velocità di percorrenza di sicurezza (orario di partenza effettivo 7,31). Stessa cosa dicasi per il RV 3377, che anziché partire da Orte alle 7,31, è stato fatto attendere alle porte della stazione, per poi dirigersi alla volta di Roma alle 7,41.
Il RV 2481 invece è arrivato ad Orte già pieno e si è sovraccaricato dei pendolari “orfani” del RV 7571 delle ore 7,50. I pendolari che sono saliti ad Orte hanno viaggiato in condizioni penose e chiaramente non in sicurezza. Abbiamo tutta la documentazione fotografica che attesta tale affollamento.
Provvederemo nel futuro a trasmettere periodicamente reportage fotografici di tale situazione che a nostro giudizio diventerà la normalità.
Gli oltre 800 pendolari che hanno firmato la petizione a Voi trasmessa tornano a chiedere di rivedere gli orari appena modificati, ristabilendo il vecchio orario del RV 7571, o in alternativa di far fermare a Orte stabilmente l’IC 581, quotidianamente in transito all’altezza della stazione verso le 7,44.
Gli oltre 800 pendolari e le loro famiglie si sentono abbandonati dalla Regione Lazio! Tre anni fa l’assessorato competente ci ha appoggiato per il ripristino delle fermate ad Orte del 2481 e 2488 eliminate dalla Regione Umbria, e di questo ne siamo stati grati. Ora invece è stato scelto di avallare la proposta di Trenitalia. Tale decisione è stata giustificata dalla richiesta avanzata dal territorio. Quale territorio? Le oltre 800 firme dimostrano il contrario. Pensiamo invece che sia l’ennesimo favore fatto all’AV (Frecciarossa 9695 in partenza da Milano alle ore 5,30 per essere a Roma Termini alle 8,29).
Questo sarà un Natale amaro per i pendolari della Tuscia e bassa Umbria. A fronte dell’ennesimo regalo fatto all’AV, i pendolari hanno avuto in dono il carbone:
·         Due treni da Viterbo per Roma, passando per Orte, a distanza di mezz’ora tra le 6 e le 6,30 e poi il nulla. Di fatto è stata ridotta l’offerta di treni per Roma;
·         Tre treni da Orte nell’arco di 15 minuti che saranno puntualmente in ritardo, con l’eliminazione di un treno alle 7,50, peggiorando così l’offerta di treni per Roma;
·         Il vuoto tra le 7,31 e le 8,01, con un sovraffollamento del 2481, con conseguenze preoccupanti soprattutto a livello di sicurezza. Al riguardo ci riserviamo in futuro di coinvolgere il Prefetto.
Auspichiamo che la nostra richiesta venga esaudita e nel frattempo continueremo a monitorare ed a denunciare la situazione.

In risposta all’assessorato ai trasporti della Regione Lazio

Vi incolliamo la mail che abbiamo inviato all’assessorato trasporti della regione Lazio ed in copia Rfi e Trenitalia in merito ad una loro risposta ai nostri solleciti in cui ribadiscono che l’anticipo del regionale 7571 è un’esigenza ed una richiesta del territorio.

Buonasera Assessore Civita,
Ringraziamo lei e i suoi collaboratori per averci tempestivente rimposto alle nostre richieste di delucidazioni circa l’anticipo del RV7571 in vigore dal prossimo 10 di dicembre. Sappiamo bene l’impegno profuso dalla Regione Lazio in passato a sostegno dei pendolari soprattutto in occasione della famosa cancellazione dei treni da parte della Regiome Umbria. Non perderemo occasione per ribadirlo. Però ora siamo a parlare di un tema nuovo, di un tema su cui la Regione Lazio sembra avere il diretto e più totale controllo. L’anticipo del RV7571 di 25 minuti. Ci avete detto che questo anticipo va incontro alle richieste dei pendolari, noi abbiamo raccolto circa 800 firme di pendolari del viterbese contrari a questo spostamento. Lei sa bene che quel treno parte circa 20 minuti prima per arrivare a Roma Termini solo 10 minuti prima rispetto al vecchio orario. Sono stati aumentati i tempi di percorrenza. Noi le possiamo assicurare che se lo state facendo per venire incontro alle richieste dei pendolari state commettendo un autogoal enorme. Le possiamo assocurare che i pendolari stanno assaporando, oltre al danno, anche la beffa di questa scelta fuori da ogni logica. A noi i pendolari stanno chiedendo di scendere a manifestare contro questa scelta ma prima di farlo vorremmo ascoltare la vostra voce. Se avete veramente il controllo totale di questa scelta fate un passo indietro, altrimenti avrete tutti contro e questa sarebbe anche per voi una grossa beffa, dopo l’ottimo lavoro fatto insieme 2 anni fa.
Noi prima di organizzare una manifestazione attenderemo una vostra risposta perché sappiamo che avete a cuore le sorti dei pendolari. Se è realmente così dimostratecelo, altrimenti diteci almeno da quali pendolari è arrivata questa richiesta, cercheremo di parlarci direttamente noi e se non ci ascolteranno chiederemo lumi al prefetto in quanto l’anticipo del 7571 pone un serio problema di sovraffollamento sul 2481 e quindi pone un serio problema di sicurezza
Saluti

Pendolarismo vs Alta Velocità

Questo il testo di una lettera inviata a Regione Lazio, Trenitalia , RFI e stampa in merito alle problematiche del pendolarismo dalla stazione di Orte connesse all’Alta Velocità
Abbiamo saputo in questi ultimi giorni di richieste provenienti da diverse parti politiche di far fermare ad Orte treni dell’Alta Velocità, facendo della cittadina una sorta di stazione dell’alta velocità a servizio di alto Lazio-Umbria-e bassa Toscana.
Come utenti della stazione di Orte ci siamo detti favorevoli, purché però non si dimentichino le richieste provenienti dai pendolari che quotidianamente si muovono verso Roma per lavoro, studio ed altro, utilizzando i treni Regionali Veloci ed Intercity, sia in termini di frequenza che di puntualità. Tutti i destinatari della presente, sanno bene che la Linea Direttissima è ormai sovraccarica e a continuo rischio di collasso, per l’utilizzo promiscuo di AV e RV/IC. L’incremento costante dell’offerta di treni AV (sia Trenitalia che NTV) ha comportato nel tempo disagi crescenti ai treni destinati ai pendolari.
Anche la scelta di cambiare prossimamente l’orario del RV 7571 è da inquadrarsi come l’ennesimo inchino all’AV: doveva essere liberata la traccia in direttissima per il transito del nuovo Frecciarossa 9695 in partenza da Milano alle 5,30 e previsto in arrivo a Roma Termini alle 8,29. Ci auguriamo che tale variazione a partire dal prossimo 10 dicembre 2017 non avvenga. Il territorio è contrario a tale modifica che di fatto elimina un treno nella fascia oraria tra le 7,31 e le 8,01, con conseguenze disastrose, in termini di sovraffollamento del RV 2481 delle 8,01 e di difficile gestione di 3 treni nell’arco di poco meno di 15 minuti (RV21711, RV 7571 e RV 3377). Addirittura per chi parte da Viterbo o comuni limitrofi la mattina presto alla volta della capitale, passando per Orte, ci sarebbero 2 treni a distanza di meno di 30 minuti l’uno dall’altro (RV 7569 e RV 7571) e poi il nulla!
Otre 800 persone hanno firmato contro tale scelta.
Comunichiamo sin da ora che, in caso di mancato positivo riscontro, dimostreremo il nostro dissenso  a difesa del diritto alla mobilità in condizioni “cristiane” dei pendolari del Viterbese.

Treni fantasma sulla direttissima: il treno RV 2481 in transito semivuoto

Il RV2481 transita semivuoto ad Orte sfilando davanti agli occhi di chi affolla la banchina per attendere il treno RV7571 delle 7.50 proveniente da Viterbo che anche oggi ha viaggiato  al limite delle condizioni di sicurezza.

Mentre qualcuno verifica, sperimenta, si riunisce per decidere, noi al 4 di agosto viaggiamo in queste condizioni disumane. Basta con questa sperimentazione assurda il cui risultato è far viaggiare treni fantasma e treni carro bestiame sulla direttissima.

Ecco il video di stamattina che testimonia le condizioni di viaggio ordinarie del treno RV2481 in seguito alla soppressione della fermata ad Orte. Si metta a confronto la condizione di chi è costretto ad utilizzare il RV7571