Archivi tag: rv2481

Fine della sperimentazione?

Come tutti sapete il 14 settembre, come dichiarato dall’assessore Rometti, sarebbe dovuta terminare la sperimentazione della soppressione delle fermate ad Orte dei treni RV2481 e RV2488.

A quanto pare, invece, i tempi per valutare le soluzioni tecniche proposte dalle regioni Umbria e Lazio si stanno protraendo.

Tutti noi speriamo che i disagi che stanno subendo i pendolari dell’Alto Lazio e della Bassa Umbria cessino al più presto.

Oggi, con la riapertura delle scuole, la situazione del treno delle 7.50 in termini di insicurezza e sovraffollamento era inaccettabile e si presume che anche quello del ritorno delle 18.34 subirà la stessa sorte.

In attesa di una rapida soluzione o della inevitabile ripresa delle manifestazioni di protesta, invitiamo tutti i pendolari della stazione di Orte a documentare con foto le condizioni disumane di viaggio e di inviare tutto via e-mail all’indirizzo:

 

 

Treni fantasma sulla direttissima: il treno RV 2481 in transito semivuoto

Il RV2481 transita semivuoto ad Orte sfilando davanti agli occhi di chi affolla la banchina per attendere il treno RV7571 delle 7.50 proveniente da Viterbo che anche oggi ha viaggiato  al limite delle condizioni di sicurezza.

Mentre qualcuno verifica, sperimenta, si riunisce per decidere, noi al 4 di agosto viaggiamo in queste condizioni disumane. Basta con questa sperimentazione assurda il cui risultato è far viaggiare treni fantasma e treni carro bestiame sulla direttissima.

Ecco il video di stamattina che testimonia le condizioni di viaggio ordinarie del treno RV2481 in seguito alla soppressione della fermata ad Orte. Si metta a confronto la condizione di chi è costretto ad utilizzare il RV7571

La soppressione dei RV2481 e RV2488 scontenta anche gli umbri. Ecco perché ed ecco la proposta di intervento del Copeo.

Proposta inviata a Istituzioni, stampa, Ferrovie dello Stato e comitati vari.

La soppressione dei RV2481 e RV2488 scontentera’ di fatto gli stessi cittadini della regione Umbria per 3 motivi:

1. La stazione di Orte è utilizzata da molti contribuenti umbri che sono contrari alla soppressione delle fermate dei due RV 2481 e RV2488 come dimostrano le delibere approvate a favore della nostra causa all’unanimità dai comuni umbri Amelia e Giove. Siamo in attesa di ricevere deliberazioni dai comuni di Penna, Lugnano e Otricoli.

2. Una delle alternative possibili, nel caso in cui non verranno ripristinate le fermate dei RV2481 e RV2488, è quella di far fermare a Orte vari intercity diretti a Firenze soluzione percorribile in quanto dipendono dal Ministero e non dalla regione Umbria. In questo caso ne deriverebbe un chiaro svantaggio per i pendolari Orvietani.

3. Il treno successivo al soppresso RV2488 è il treno delle 18:34 diretto ad Ancona e che effettua varie fermate in Umbria. Nel caso in cui sarà confermata la soppressione del RV2488 il successivo treno viaggerà stracolmo soprattutto da ottobre e quindi in questo caso i ternani e perugini che viaggiano su tale treno saranno poco contenti della decisione di sopprimere i due RV e sicuramente viaggeranno poco sicuri.

Sulla base di quanto scritto sopra noi crediamo che un miglioramento della sicurezza e del comfort di tutti i passaggeri può passare solo per un aumento dei treni in fermata a Orte o per un aumento delle carrozze disponibili.
Più aumentano le soluzioni disponibili con fermata a Orte e più i pendolari si distribuiranno su vari convogli a vantaggio di TUTTI.

Pertanto la proposta del Comitato Pendolari Orte è quella di mantenere la fermata a Orte per i RV2481 e RV2488 aggiungendo 1 o 2 carrozze al RV2488 con costi a carico della Regione Lazio, di utilizzare treni Vivalto o aumentare numero carrozze sui convogli da  Viterbo per Roma della mattina (RV 7571 7:50 da Orte) e della sera (RV 7582 17:28 da Roma), cosa che aumentando la disponibilità di posti su altri treni aiuterà a svuotare i RV2481 e RV2488.

A valle delle suddette decisioni si realizza un periodo di sperimentazione in settembre e ottobre e se la situazione non migliora si valuta la possibilità di ripristinare a Orte le fermate di altri treni in fascia oraria pendolari.
Tutte soluzioni con costi a carico della Regione Lazio e che vanno nella direzione di migliorare la sicurezza di tutti.

Inoltre riteniamo che sia uno spreco assurdo far transitare treni vuoti sulla direttissima dove non è più possibile inserire nemmeno uno spillo.

I treni vuoti, se qualcuno è interessato a farli viaggiare, possono e devono circolare sulla linea storica liberando così slot in cui inserire treni che trasportano più pendolari possibile, ovvero treni che fermano anche ad Orte.

Saluti cordiali
Comitato Pendolari Orte