Archivi tag: roma and termini

resoconto black-out Termini del 19/05/2017

Buongiorno

 

di seguito un estratto di una nota  dell’ORT (Osservatorio regionale Trasporti), al quale noi siamo iscritti, in merito ai disagi di Termini di venerdì scorso

 

Alle 19.15 un condensatore della centralina principale nella sala controllo di RFI (dove ormai è concentrato praticamente tutto il controllo del traffico ferroviario del Lazio e dintorni) ha preso fuoco, danneggiandone altri due. Ciò provoca la perdita del controllo (cioè, l’evidenza di dove si trovino) di tutti i treni circolanti. In questo caso viene automaticamente disattivata anche la centralina di riserva.

Il guasto è stato riparato alle 20.20. A quel punto, come sempre in caso di black-out, il sistema a riavviarsi impiega un paio d’ore abbondanti, attivandosi in base alla priorità del rango dei treni (in pratica, prima le frecce, poi i treni a lunga percorrenza, quindi i regionali ed infine i merci).

Naturalmente, per riportare il sistema alla normalità, ci sono volute molte altre ore ed il nubifragio intercorso in nottata in alcune aree ha ritardato ulteriormente il processo di normalizzazione. Nel frattempo, una task force di Trenitalia e della Regione coordinava gli invii dei pullman a recuperare i passeggeri dei treni fermi… tutto questo è andato avanti per buona parte della notte.

Nella giornata di sabato non  sono pervenute segnalazioni su anomalie nel traffico regionale e ad un controllo fatto domenica la situazione sembra regolare. Quindi, nonostante i timori che in questi casi di “rimessa su” del sistema tutti hanno, siamo confidenti che anche lunedì a traffico completo il sistema “tenga” e la circolazione sia regolare.

12 luglio, una giornata nera per i pendolari

Di seguito il testo della mail inviata a RFI, Trenitalia, autorità per i trasporti e Regioni Lazio, Marche, Toscana, Umbria per denunciare i gravi disservizi sulla linea direttissima Orte Roma verificatesi ieri.
Nella giornata di ieri 12 luglio  purtoppo già funestata dal drammatico incidente in Puglia,abbiamo assistito all’ennesimo episodio di disservizi plurimi ai danni dei pendolari della linea direttissima Orte Roma.
 Nel pomeriggio i treni diretti da Roma verso nord sono stati dirottati nel tratto Roma-Orte sulla linea storica, in molti casi, senza alcun avviso, maturando ritardi    fino a 135 minuti. Ciò sembrerebbe a causa di un guasto elettrico tra le stazioni Termini e Tiburtina. Come al solito, a pagare le conseguenze di tale inconveniente sono stati i treni destinati ai pendolari, mentre i treni AV hanno continuato ad usufruire della linea direttissima. Il nodo ferroviario di Roma e la linea direttissima verso nord sono divenuti congestionati a tal punto che il minimo inconveniente finisce per generare forti disservizi. Ci auguriamo una continua e efficace manutenzione di tale tratto.
Ad aggravare la situazione si è poi verificata la fermata nella stazione di Stimigliano per la richiesta di intervento medico da parte del personale del RV 2316  Roma Firenze che ha ulteriormente bloccato la circolazione già alquanto congestionata sulla linea lenta.
Chiediamo a Trenitalia di verificare costantemente il sistema di areazione sui RV. A causa del malfunzionamento si alternano carrozze con aria condizionata assente, che in queste giornate di caldo eccezionale favoriscono situazioni di forte malessere fisico, a carrozze con aria condizionata intensa.
Auspichiamo per il prosieguo che le conseguenze in caso di guasto non ricadano sempre ed esclusivamente sui treni destinati ai pendolari.
Chiediamo alle regioni in indirizzo che, al fine di tutelare i propri cittadini pendolari, comincino ad applicare le penali per ritardo previste nei propri contratti di servizio con Trenitalia. Inoltre chiediamo di conoscere la procedura da adottare da parte del personale Trenitalia, in caso di malore a bordo, che  acceleri le operazioni di soccorso, soprattutto nell’interesse del malcapitato, e riduca al minimo le conseguenze sugli altri passeggeri.

Raccolta firme petizione binari Est

Abbiamo inviato a RFI, Trenitalia, FS, Regioni Lazio, Marche, Umbria, Toscana circa1000 firme raccolte fra i pendolari che usufruiscono della linea direttissima Orte-Roma con le quali si chiede che tali treni durante gli orari di punta siano attestati ai primi binari della stazione di Roma Termini anziché ai binari est al fine di facilitare lo spostamento dei pendolari stessi

Siamo consapevoli che il traffico ferroviario in entrata a Roma Termini è elevato, ma confidiamo nello sforzo di chi ne ha le competenze per inserire qualche treno pendolare in più fra i primi binari.

Grazie a tutti coloro che hanno firmato ed in particolare alle pendolari Giovanna e Simona che si sono fatte carico della raccolta delle firme

 

Risposta RFI al nostro quesito sui binari est

Vi portiamo a conoscenza della lettera di risposta di RFI riguardo alle nostre obiezioni circa l’attestazione ai binari est di Roma Termini dei treni regionali veloci da e per Orte :

In merito al  numero di treni da/per Orte alla stazione di Roma Termini segnaliamo che complessivamente il numero dei treni attestati ai binari 1 e 2 est di Roma Termini con il nuovo orario attivato a dicembre 2015 sono inferiori rispetto all’orario precedente.

Nel precedente orario i treni che effettuavano servizio in arrivo/partenza sui binari est erano complessivamente 33, ad oggi sono 28; pertanto in valore assoluto il numero è diminuito.

Purtroppo ci sono alcuni treni (come il 7571 e il 2488) che nel nuovo orario non è stato possibile piazzare sui binari “centrali”. Tale limitazione è in parte causata da alcune restrizioni derivanti dai lavori della piastra parcheggi di Roma Termini che limitano la lunghezza utile di alcuni binari rendendo più rigido lo schema dei piazzamenti.

Peraltro, l’utilizzo dei binari est per i servizi regionali che collegano Marche, Umbria e Toscana consente di immettere i treni direttamente sulla linea ferroviaria dedicata, evitando interferenze di circolazione con altri flussi e garantendo maggiore stabilità dell’orario in un impianto complesso come Roma Termini.

Si garantisce comunque il massimo impegno per individuare ulteriori soluzioni che possano consentire di piazzare i treni di maggior rilevanza per i viaggiatori sui binari centrali.

 

In merito alla possibile realizzazione di un tapis roulant, sarà cura di RFI verificare se ci sia la fattibilità di intervento utilizzando la piastra parcheggi in corso di realizzazione.

 

Preme segnalare, inoltre, che negli ultimi mesi sono stati effettuati diversi interventi da parte di RFI a supporto dei viaggiatori che utilizzano i binari 1 e 2 est; ad esempio:

 

–          affissione lungo il marciapiede del binario 1 e nelle aree maggiormente frequentate di un’apposita segnaletica nella quale è indicata anche la distanza da percorrere, in modo da orientare meglio i viaggiatori e guidarli fino ai binari 1 e 2 Est;.

–          installazione, nel mese di giugno, in corrispondenza del piazzale antistante i binari 1 e 2 est, di 2 biglietterie self service per ampliare i servizi alla clientela;

–          realizzazione della pensilina a servizio dei binari 1 est e 2 est attivata nel mese di gennaio; nelle prossime settimane verranno completati gli arredi definitivi (sedute e illuminazione definitiva).

 

Peraltro, è prevista l’installazione di una macchinetta self per la distribuzione di bevande e alimenti, parimenti a quelle installate su altri binari.

Ringraziamo RFI della risposta, continueremo a monitorizzare questa situazione ed attendiamo fiduciosi una risposta anche in merito alla nostra segnalazione dei disagi occorsi ai pendolari nella giornata del 18/01/2016.