Archivi tag: metrebus

RV 21713 – Frequenti dirottamenti in L.L.

Di seguito il testo della mail inviata a Regione Lazio e Trenitalia per segnalare i disservizi del RV 21713:

In questi ultimi giorni abbiamo avuto dai nostri associati diverse segnalazioni circa i frequenti disservizi verificatisi sulla tratta Orte-Roma relativamente al treno RV 21713, in partenza da Orte alle ore 10.09, disservizi che vogliamo portare alla vostra cortese attenzione.

Detto treno, come ci viene spesso segnalato, è frequentemente dirottato sulla cosiddetta Linea Lenta (convenzionale) accompagnato da annunci diffusi in stazione che evidenziano come causa “traffico rallentato sulla linea Direttissima”, con conseguenti e considerevoli ritardi sull’arrivo previsto nelle stazioni di Roma.

Vi ricordiamo che nell’orario di Trenitalia il treno in questione è l’unico che collega in modo rapido la stazione di Orte con Roma in un arco di tempo che va dalle 8.52 (IC 533) alle ore 11.55 (RV 2307) facendo registrare così, per un notevole lasso di tempo, la mancanza di collegamenti veloci con Roma.

Come abbiamo avuto modo di segnalare in precedenza, tale vuoto nell’orario genera una rilevante carenza di servizio già in condizioni normali, tanto più in tale contesto in cui il distanziamento sociale va perseguito per la tutela della salute.

Precisiamo inoltre che, nonostante il treno RV 21713 sia gestito dalla Regione Umbria, è utilizzabile a tutti gli effetti con gli abbonamenti Metrebus e i biglietti giornalieri e settimanali, tutti titoli di viaggio emessi dalla Regione Lazio e dedicati alla mobilità dei cittadini all’interno della regione.

Chiediamo agli enti in indirizzo, ciascuno per la propria specifica competenza, ad intervenire per evitare il verificarsi di questo spiacevole disservizio che compromette la regolare mobilità degli utenti all’interno della nostra regione.

Attendiamo un rapido riscontro.

Co.Pe.O.

Soluzione su futuro METREBUS. Garantito a cittadini sistema integrato bigliettazione.

Trovata ieri una soluzione per il futuro del sistema integrato di bigliettazione Metrebus, garantendo così ai cittadini la possibilità di continuare ad utilizzare un unico biglietto su treni ed autobus regionali e sul trasporto pubblico locale a Roma. E soprattutto rendiamo più sicura e trasparente la gestione dell’intero sistema.

metrebus_lazio_annualeIeri mattina Roma Capitale ha sottoscritto un verbale d’intesa insieme a Regione Lazio, Trenitalia, Astral, Roma Servizi per la Mobilità e Atac. Siamo soddisfatti che tutti gli attori istituzionali abbiano compreso l’importanza di arrivare ad un accordo condiviso per mantenere in piedi l’integrazione tariffaria. Roma Capitale è stata sempre in prima fila per cercare un’intesa.

L’intesa prevede che i flussi finanziari saranno gestiti da Atac fino al 31 dicembre 2019. Il sistema di clearing, cioè il processo di elaborazione dei dati di utilizzo, sarà gestito da Astral in accordo con Roma Servizi per la Mobilità. Questo garantirà maggiore sicurezza, trasparenza e legalità perché porterà a migliori controlli: i rischi di duplicazione o clonazione dei biglietti saranno così ridotti al minimo. Infine si definirà un cronoprogramma delle attività di analisi dei dati che saranno funzionali ad un corretta ripartizione del fondo trasporti nazionale.

L’ORT interviene sulla nuova disdetta del Metrebus

Di seguito il comunicato diramato dall’ORT riguardo la questione della disdetta dal consorzio Metrebus da parte di Trenitalia.

L’Osservatorio Regionale sui Trasporti prende atto con stupore e preoccupazione della nuova disdetta dell’adesione al Consorzio Metrebus da parte di Trenitalia ed ancor più di quanto letto sulla stampa secondo cui per il Comune di Roma questa potrebbe non essere una cattiva notizia per l’utenza, il che dimostra, tra l’altro, che non si è coscienti quanto già oggi degli spostamenti all’interno della Capitale si svolga sulle linee FL, quota una cui prevedibile riduzione, inevitabile in caso di necessità di munirsi di biglietti differenziati, provocherebbe un ulteriore collasso di una rete urbana già in condizioni pietose.

Un anno fa, a fronte di una situazione analoga, avevamo dato atto alla Regione Lazio della prontezza dell’intervento col quale essa aveva scongiurato quello che definivamo un passo indietro epocale nella gestione del trasporto pubblico del Lazio, grazie alla garanzia di ATAC di risarcimento del debito ed alla prevista presa in carico diretto da parte della Regione stessa della gestione del Metrebus (come peraltro da competenze legislative), il che avrebbe consentito un riparto tempestivo e trasparente degli introiti da tariffa tra le varie aziende. Ci stupisce oggi che questo anno sia passato invano: non solo la presa in carico del sistema da parte della Regione non è ancora avvenuta, ma il debito dell’ATAC, dopo una prima limatura, è tornato a lievitare a livelli inaccettabili per qualsiasi partner.

E questo tempo perduto si è riflettuto in tutti quelli che indicavamo come i necessari potenziamenti del sistema: sia relativamente alla necessità di non far gravare sull’utenza i casi in cui per la configurazione della rete i percorsi tra due località del Lazio prevedano il transito all’esterno della regione, sia sulla assurda norma della non cumulabilità delle tariffe integrate con le altre tariffe Trenitalia (caso unico in Europa), sia sul versante dell’ampliamento dell’offerta alle reti di TPL di altri Comuni: laddove invece l’ordine del giorno votato dalla Regione a gennaio per l’inserimento di Fiumicino e Ciampino in zona A non ha avuto alcun seguito concreto.

Ci aspettiamo che le garanzie ricevute in questi giorni dall’Assessorato Regionale alla Mobilità sulla volontà di mantenimento del Metrebus trovino rapido riscontro in atti amministrativi reali e che gli utenti del trasporto pubblico regionale possano finalmente vivere una stagione di effettivo sviluppo sia a livello quantitativo del servizio sia  relativamente all’efficacia di un’irrinunciabile integrazione modale, in una città ed in una regione che già vantano impressionanti record negativi sia nel numero di macchine per abitante sia nella ciclabità. Né possiamo pensare che calcoli di miope convenienza politica di qualsiasi tipo possano farsi largo nella mente di amministratori di qualsiasi Ente locale coinvolto nella gestione di questa criticità.

Accordo Metrebus

Rispetto ai timori di molti pendolari sull’uscita di FS da Metrebus Lazio, vogliamo dare rassicurazione circa l’accordo raggiunto tra le parti mediante l’intervento di Regione Lazio

Questi i link di alcuni media sull’argomento:

http://www.cinquequotidiano.it/politica/regione-lazio/2015/10/28/regione-lazio-accordo-atac-cotral-trenitalia-sul-biglietto-unico-di-trasporti/

http://www.ferpress.it/metrebus-accordo-trovato-il-biglietto-integrato-e-salvo-una-nuova-card-per-il-giubileo-piano-debiti/

http://www.gazzettaregionale.it/notizie/caso-metrebus-trenitalia-cotral-ed-atac-trovano-un-primo-accordo